Sei in: home > zen e dintorni > approfondimenti

Da 'Haiku italiani'

di Luigi Oldani

Penso all'oggi
Quando la pioggia batte
Qui sul silenzio.

Nei campi d'aria
Un vento ci lascia
Tanti respiri.

Quando parlavi
Riecco quell'eco
Adesso e sempre.

Davanti all'onda
Dov'Ŕ il blu profondo?
Zazen in spiaggia.

C'Ŕ sempre stato
Brezza, vento e bufera
Zazen serale.

Pioggerella
Suona la campana
Piove acqua.

Guardo fuori
Profumo di silenzio
Tutte le stelle.

Foglie e fiori
E neve senza vento
Lass¨ la luna.

Apri il mondo
Con i tuoi occhi
Senti il glicine.

Quel vento freddo
Dalle onde sugli scogli
Leggo i Sutra.

Se non ci sei
Annaffio i fiori
Verde una foglia.

Guardo l'albero
Verde e vasto, libero
Cresce la gioia.

Stelle d'estate
Dissolte e cadenti
Brilla la fede.

Luce giallo
Chino il girasole
Gassho d'agosto.

Notte di luna
Si muove l'albero
Sono verde e blu.

L'erba ricresce
Sotto il ginocchio
Il mio cuore.

Notte d'inverno
Cade una stella
Al Daijo-ji.

Calma la notte
Chiaro silenzio
Zazen di luna.

Vuoto lontano
Su in alto tra i fiori
Sboccia la fede.

Settembre all'alba
Nasconde in ogni cuore
Luce di luna.

Le onde serali
Salgono al cuore
Qui in eterno.

Santo Spirito
Cadono le gialle
Foglie d'incenso.

Nel cielo sale
Un grigio novembrino
VastitÓ dentro.

Zazen la mattina
Si apre d'incenso
Il mio cuore.

Sera fredda
Al Shinnyo-ji Firenze
Zazen profondo.

Sotto l'albero
Una foglia di luce
Oltre ogni dio.

Una monaco
Apre il cielo d'Italia
Al Daijo-ji.

Muta il tramonto
A Settignano il cuore
Delle foglie.

Come la fede
Attraversa il cuore
Passa il vento.

Chiaro il mattino
Sullo zafu vedo lÓ
Gli occhi di un merlo.

Torna indietro